Introduzione al libro Ayurveda

Ho scritto questo libro per dare una forma all’essenza degli insegnamenti teorici e pratici che nel tempo ho ricevuto in Ayurveda ampliando gli appunti e le continue revisioni che di essi ho fatto durante gli anni di studio e d’insegnamento, di quella parte di materia che ho potuto trattare; parte che sta all’intero Ayurveda come una goccia sta all’oceano.

Se il mio Insegnante, di illustre fama mondiale e di ampio Sapere Vedico suole presentarsi come “studente” di Ayurveda, come posso introdurmi io a voi lettori? Lui stesso, il Dr B. Dash, mi ha sempre presentata come una “devota” di Ayurveda e credo questo sia il titolo che calzo con più adeguatezza. Dalla devozione quindi unita a un vivace interesse teorico e alla costante pratica nasce questo testo, che espone i Principi Fondamentali dell’Ayurveda in generale e delle Tecniche di Purvakarma in specifico.

Tesi fondamentale del libro è l’opportunità per il Professionista ayurvedico di svolgere le pratiche ayurvediche quali azioni di Karma Yoga o Yoga dell’azione. Sono consapevole che rispetto all’origine dell’Ayurveda non affermo nulla di nuovo, l’intento è piuttosto quello di portare l’attenzione del praticante ayurvedico di oggi, dalla madre di famiglia al medico, su un concetto essenziale, tanto semplice e scontato nell’antichità quanto tendenzialmente trascurato oggi. Per me è stata una rivelazione lenta e molto profonda, che si è dipanata nel tempo e nei miei continui viaggi in India, dall’Himalaya a Kanyakumari, e che desidero condividere attraverso questo libro.

In tale contesto, gli strumenti di azione yogica sono rappresentati dalle diverse tecniche di Purvakarma, qui descritte dettagliatamente e con particolare riferimento al loro valore terapeutico.La società contemporanea, con la sua velocità e impazienza, ha reso alcuni trattamenti ayurvedici impraticabili nel contesto lavorativo del Professionista Ayurvedico odierno. Pertanto, solo le tecniche più rilevanti sono state qui incluse. Si è evitata per esempio l’esposizione delle diverse forme di fomentazione praticate nell’antichità, molto interessanti da un punto di vista teorico, ma oggi realisticamente non più realizzabili. Si è voluto invece trasmettere fedelmente l’Ayurveda Classico secondo Charaka, nella chiave pratica contemporanea presentata dai Vaidya Bhagwan Dash e Lalitesh Kashyap.

Nei capitoli ho inserito da alcuni aneddoti del mio viaggio ayurvedico fino a oggi. Pur costituendo uno stacco dal contenuto specialistico del libro, questi intermezzi autobiografici svolgono progressivamente il concetto chiave della relazione tra Ayurveda e Karma Yoga. Strumenti utili ad entrambi sono alcune pratiche meditative di recitazione di mantra e di crescita personale presentate nel capitolo 15.

Per concludere: filosofia, scienza e pratica sono i tre pilastri tradizionali che sostengono l’Ayurveda e quindi questo testo. Il libro si compone di quattro parti: la prima descrive gli incontri con i personaggi chiave che hanno segnato tutto il mio percorso ayurvedico fino a oggi; la seconda tratta i principi fondamentali dell’Ayurveda; la terza illustra il massaggio ayurvedico e diverse tecniche di Purvakarma e infine è affrontata la relazione tra Ayurveda e spiritualità, introducendo la proposta della pratica ayurvedica quale via di Karma Yoga nel percorso di crescita personale e professionale. Chiude il libro un’intervista al Vaidya Bhagwan Dash.

Il testo si rivolge principalmente a Operatori, Naturopati e Terapisti ayurvedici. Medici, Professionisti del settore salute, Studiosi dell’Ayurveda provenienti da altre discipline così come le persone spinte da sincero interesse personale troveranno in questo libro un materiale prezioso per lo studio dell’Ayurveda e per la propria professione o pratica personale. D’ora in poi con “Operatore ayurvedico” saranno indicate tutte le figure sopraelencate e sarà chiamata “persona” colui o colei che riceve i trattamenti. Questo testo non vuole in alcun modo sostituire la trasmissione diretta da insegnante ad alunno, ma essere un valido strumento di studio, di consultazione e, per qualcuno, di ispirazione.

Commenti chiusi